Blog: http://Rockerduck.ilcannocchiale.it

Una domanda politica

Qualcuno mi sa spiegare CHE SENSO HA AVUTO da parte di D'Alema porre la fiducia sulla sua politica estera?   Un obbligo costituzionale? No di certo, il governo riceve la fiducia dal parlamento, ma non è tenuto a rendere conto di qualunque singola decisione. Berlusconi aveva cambiato 6 o 7 ministri senza mai chiedere l'autorizzazione  Una questione di opportunità politica? Forse, ma non si risolvono i problemi al momento del voto se non sono già risolti prima.
Che cosa avrebbe cambiato di sostanziale nel quadro politico una vittoria risicatissima o una sconfitta risicatissima?    Il governo sapeva già di avere pochissimi voti di margine in senato, non era una novità. Forse che incassare una vittoria di un voto avrebbe risolto i nodi politici del centro-sinistra?  Che gioco è giocare al "la va o la spacca" quando se va guadagni pochissimo di sostanziale e se la spacca perdi tutto?
Certo, D'Alema ha chiesto un voto sul complesso della politica estera e a quel punto è da dementi votare contro. Forse che la politica estera di Berlusconi era migliore?
Ma siccome il mondo è pieo di dementi diciamo pure che i due dementi della maggioranza hanno assunto tanto potere perchè la maggioranza era risicatissima, e questo si sapeva anche prima. Anzi, forse i due che hanno votato contro hanno almeno seguito una linea di principio, una voce di coscienza.
Stupisce di più che RC sia stata superata a sinistra da Andreotti e Pininfarina. Questo sembra proprio strano.

Dunque, le possibilità sono due.

1) Prodi-D'Alema non sanno fare i conti e sono rimasti vittima di una roulette russa scelta da loro per pura incapacità.

2) C'è già una maggioranza di ricambio pronta a sotenere un governo che ptrebbe liberarsi così di RC e di Di Pietro (l'ho sentito oggi per televisione e mi pare che abbia firmato la sua condanna a morte). Gli occhiolini che DS e UDC si stanno strizzando lo fanno sospettare. E allora si spiegherebbe perchè Prodi abbia mediato così poco ultimamente, anzi si sia affrettato a prendere decisioni rischiose e nette su argomenti delicati, a partire da Vicenza.

Quello che succederà nei prossimi giorni dirà quale delle due ipotesi era la giusta. Altre interpretazioni non ne vedo.

Pubblicato il 22/2/2007 alle 3.2 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web