Blog: http://Rockerduck.ilcannocchiale.it

Abbiamo pareggiato i conti

Questa serata l'aspettavo da 16 anni. Precisamente da quella maledetta semifinale di Napoli del 1990, quando perdemmo ai rigori dall'Argentina. Non era bello essere l'unica grande potenza calcistica (con l'eccezione del Brasile nel 1950) ad avere perso i mondiali di casa. Il credito con la fortuna era chilometrico: tre mondiali consecutivi persi ai rigori, un europeo perso agli ultimi secondi dopo averlo già vinto. Morale della favola: da ben 24 anni partivamo per vincere qualcosa in campo internazionale, dimostrando quasi sempre di potercela fare, e da 24 anni non si vinceva nulla.
Quest'anno stiamo finalmente consumando qualche piccola vendetta. L'Argenitina ha assaggiato pari pari quello che successe a noi nel 90: ha dominato la partita, si è portata in vantaggio, poi è stata raggiunta nel finale e ha perso ai rigori. Anche l'Argentina era la squadra che aveva prodotto fino a quel momento il miglior calcio, esattamente come noi nel 90.
La Germania che allora vinse in casa nostra è stata sconfitta a domicilio. Con una differenza grossa però. Che non ha perso per un episodio, come fu la sciagurata uscita di Zenga nella semifinale del 90, ma per una inferiorità netta e inequivocabile durata tutta la partita. Ora c'è da completare l'opera, vedremo domani con chi. A ben pensarci anche con la Francia c'è qualche conto in sospeso...

Pubblicato il 5/7/2006 alle 9.54 nella rubrica Calcio, lancio di brustolini controvento e altri sport.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web